Perché è importante comunicare il tuo valore

Aggiornamento: 25 nov 2021

È importante comunicare il tuo valore? Non basta il tuo lavoro a dimostrarlo? Questo è il punto di partenza rispetto al quale mi confronto con le mie clienti. Spesso l’impegno di comunicare il proprio valore è visto come un compito gravoso e superfluo. Molte professioniste, imprenditrici, artigiane pensano che i loro servizi e i loro prodotti dovrebbero essere gli unici veicoli di comunicazione e trasmettere il loro valore.

Vediamo insieme quali sono gli errori che stai commettendo se anche tu la pensi così:

  • che tutti i tuoi prodotti e servizi raggiungano tutti i tuoi potenziali clienti e loro comprendano il valore e la differenze rispetto alla tua concorrenza;

  • che tutti i tuoi clienti si assumano l’impegno di parlare con i loro contatti per lodare il tuo operato;

  • che tutti conoscano ciò di cui ti occupi e che si rivolgano a te, al bisogno.

Ti fornisco un indizio: quando in una frase inserisci una generalizzazione come tutti è una rappresentazione impossibile.

Le persone sono bombardate da messaggi su canali diversi, contemporaneamente e il cervello umano cerca di difendersi immagazzinando solo le informazioni indispensabili. Quindi o arrivi alla persona giusta al momento giusto con il messaggio giusto, oppure è difficile che tu possa essere ricordata.

Prima di pensare a come arrivare, è centrale sapere cosa vuoi far arrivare.

Tu sai esprimere il tuo valore con una frase che possa essere solo tua? Intendo un messaggio che parli di te, di ciò che fai, del perché lo fai? E che superi il test del ciabattino? Prendi la tua frase e l’applichi a un’altra professione (il ciabattino, per esempio), se funziona e ha senso vuol dire che NON ha superato il test.

La frase che utilizzo io per presentarmi è:

Aiuto le mie clienti a riconoscere il proprio valore, le prendo per mano perché possano realizzare il loro progetto e possano brillare, così che tutto il mondo veda la luce che io vedo in loro.

Barbara Boaglio, consulente in marketing relazionale

In questa definizione ci sono:

  • il mio perché: aiutare le donne a riconoscere e mostrare il proprio valore;

  • il mio cliente ideale: donna che fa impresa

  • come mi piace lavorare: guidando la persona che si affida a me

Riesci a scrivere una frase che rappresenta te e il tuo valore? Commenta il blog o scrivimi direttamente a: barbara@ilmarketingrelazionale.it


Una volta che hai chiaro il messaggio è il momento di comunicarlo e per questo puoi usare le 4 frecce del marketing relazionale:

  1. Parlare

  2. Scrivere

  3. Relazionarti

  4. Referenziare

In queste settimane sto affrontando il tema dello scrivere. La settimana scorsa mi sono soffermata sui social e ti ho segnalato un canale importante che voglio approfondire oggi: la newsletter.

La newsletter è un messaggio di posta elettronica che mandi a un gruppo di persone che ti hanno dimostrato interesse per riceverlo. Chi c’è all’interno di questo gruppo?

  • clienti, così mantieni il filo della comunicazione

  • potenziali clienti, ti fai conoscere

  • potenziali alleati, dimostri il valore di un’alleanza con te

Il primo punto tecnico di una newsletter è che rispetti la normativa sulla privacy e il GDPR, contatta il tuo consulente di riferimento per assicurarti di essere in regola. Qui trovi un articolo scritto dall'azienda che si occupa della normativa per me.

Sistemato questo aspetto ora puoi iniziare a creare la tua comunicazione. La newsletter è un mezzo importante perché è il tuo contatto diretto con persone che sono interessate a ciò di cui ti occupi. Attraverso questo canale tu puoi parlare di ciò che fai, di come lo fai e per chi lo fai. Puoi condividere delle testimonianze di clienti o mostrare direttamente i tuoi prodotti.

Ricorda che è un canale di comunicazione e non di vendita: se le tue email sono tutte di vendita allora diventano dem (direct email marketing). Certo, anche nella tua newsletter puoi comunicare delle offerte ma non è lo scopo.

Lo scopo principale è costruire una comunicazione con persone che raggiungi direttamente e sai a chi stai scrivendo. Sui social tu puoi avere anche migliaia di follower ma se domani quella piattaforma chiude o anche solo viene chiuso il tuo account, tu perdi tutto.

La newsletter è un modo per alimentare una relazione con contenuti di valore, facendo conoscere te, il tuo lavoro e il tuo valore.

Il parametro per comprendere se la tua newsletter va nella direzione giusta è vedere quante persone ti rispondono, quante scelgono di dedicare del tempo per ringraziarti dei tuoi messaggi o per iniziare una conversazione privata con te.

Ti segnalo questo libro se vuoi approfondire il tema:

  • Caro amico mi iscrivo: Progettare e scrivere newsletter che funzionano – Nicole Zavagnin https://amzn.to/3ruu7AY (Link affiliato)