Come trovare il tempo per una mastermind

Il tempo è una risorsa che quando viene consumata sembra riformarsi: ogni giorno abbiamo 24 ore nuove per noi.

Invece è solo apparenza perché il tempo trascorso non può essere recuperato, riciclato, riutilizzato. Spesso siamo delle consumatrici inconsapevoli.

Quando parlo di mastermind e dell’importanza di rispettare l’appuntamento prefissato, molte persone alzano le mani affermando che per loro è impossibile garantire una presenza costante.

La mastermind è uno strumento potente in grado di accelerare la crescita della tua attività ed è un percorso. Ha un inizio, uno svolgimento e una fine.

Se scegli di saltare una tappa è come partecipare a una caccia al tesoro e scordarti di raccogliere degli indizi. Quando arrivi alla fine ti accorgi che chi ha seguito il percorso e raccolto tutti i pezzi riesce a trovare il tesoro. Tu? Dipende. Magari ne hai abbastanza per vincere. Magari no.

Il tempo è spesso un alibi che sfoderi a seconda delle situazioni. Non è un caso che ti accorga anche tu come vola il tuo tempo quando sei impegnata in un’attività interessante e come sembri eterno quando l’attività è pesante e noiosa.

Quindi vediamo come è strutturata e quale differenza può fare per te.

Poi deciderai se vale la pena di scovare il tempo, rimestando nella tua agenda.


La mastermind è in grado di accelerare la tua crescita perché mette a fattor comune le esperienze, le competenze e le conoscenze dell’intero gruppo. Crea una rete solidale e di sostegno con cui sai che puoi confrontarti apertamente, in un ambiente protetto.


Successi

Ogni riunione inizia condividendo i successi del periodo trascorso dall’incontro precedente. Come vedrai si termina definendo i progressi che si vogliono fare e si inizia dai progressi messi in atto.

È il momento in cui concentrarsi su ciò che ha funzionato. A volte si è avuto un periodo difficile e i successi sembrano nulli. Guardare a ciò che hai portato a termine, piccolo o grande, è un progresso.


Io al centro

Nelle mie MasterMind voglio che tutte le persone riescano a progredire quindi gli incontri hanno la struttura centrale che si ripete.

In questa sezione una persona si mette al centro ed esprime la sua sfida, la sua difficoltà oppure condivide un tema per il quale ha bisogno di avere il parere delle altre partecipanti.

È importante che la persona si esprima senza giudizio verso di sé e questo è un passaggio difficile. Spesso siamo così abituate a pensare in un certo modo che è complesso vedere la situazione oggettivamente.


Feedback

Ciascuna partecipante fornisce il suo feedback.

Questa è una parte centrale. Ogni persona attinge alle sue esperienze, competenze, conoscenze per trasferire un messaggio che sia di nutrimento.

Se analizzi la parola feedback vedi che è composta da due parole: feed (alimentazione) e back (indietro). Vuol dire che ciò che si dona è nutrimento senza giudizio.

La parte del feedback è sfidante per chi è al centro perché può rispondere esclusivamente con: “Grazie” oppure “In che senso?” se non ha compreso. Vuol dire che non si può innescare quel meccanismo che apre la via a frasi come “Ma io intendevo che…”, “Non hai capito…”.

In questo modo chi è al centro è aiutato anche nel comprendere come la sua comunicazione è percepita e intesa.


Le sezioni Io al centro e Feedback si ripetono per ciascuna partecipante.


Progressi

È l’ultima sezione. Da tutto ciò che si è appreso, si definiscono le azioni che ciascuna vuole mettere in atto prima del prossimo incontro. Si tratta di una dichiarazione di fronte al gruppo e questo spinge a una maggiore responsabilità nell’azione.


Dove porta tutto questo? A tenere i tuoi occhi e le tue azioni incollati sull’obiettivo, riportando l’attenzione a ciò che hai deciso di voler raggiungere. In quest’epoca mantenere la focalizzazione è complesso. Abbiamo continue interruzioni e ci hanno fatto pensare che il multitasking (fare 100 cose nello stesso momento) fosse da vincenti.

Invece ci vuole poco a rendersi conto che se mentre corri la maratona ti fermi per piantare un orto, poi per riempire una bottiglia, poi per salutare qualcuno… altre arriveranno prima di te. Se mai arriverai.


Quindi, quanto vale il tuo tempo? Hai mai pensato a tenere traccia di quanto di questa preziosa e finita risorsa investi in attività che producono poco per te?

Soprattutto, vuoi davvero raggiungere quell’obiettivo?


Perché questa è la vera domanda. Hai un obiettivo chiaro da raggiungere che ti permetta di ottenere ciò che vuoi?

Una persona che decida di terminare la maratona di New York ha chiaro cosa vuole ottenere.

A volte nella tua attività imprenditoriale tu manchi di un obiettivo ben definito quindi è difficile per te misurare il risultato e decidere quanto tempo investire.


La mastermind è in grado di accelerare la crescita della tua attività solo se sai come e quanto vuoi crescere.


Se senti di aver bisogno di un confronto per capire meglio quale direzione vuoi dare alla tua attività, scrivimi a: barbara@ilmarketingrelazionale.it


19 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti