5 passi per superare i tuoi limiti

La settimana scorsa ti ho parlato dei limiti che influenzano la crescita della tua attività e ho evidenziato come, in un modo o nell’altro, questo dipenda dal tuo tempo.

Il tempo è infatti il limite maggiore che hai: ogni giornata è composta di 24 ore. Il tempo è anche la tua maggior risorsa: ogni giornata è composta di 24 ore!!

Qui si tratta di più che vedere la situazione dal lato “bicchiere mezzo vuoto” o “bicchiere mezzo pieno”, quanto piuttosto comprendere che lo stesso numero di ore può produrre effetti completamente diversi.

Le ore che sono date ogni giorno in dono a te, sono le stesse che hanno portato Jeff Bezos a diventare, pochi giorni fa, l’uomo più ricco del mondo, superando Bill Gates. Qual è la differenza? L’uso che ne fai tu e quello che ne fa lui.

Poiché è impossibile moltiplicare le ore della tua giornata, quello che puoi fare è renderle più produttive e il primo modo per renderle produttive è iniziare a concentrarti sulle cose da smettere di fare. Ti sembra un controsenso? Solo se liberi la tua agenda puoi focalizzarti su ciò che può davvero rappresentare la differenza per il tuo business.

Ecco quindi i 5 passi da mettere in atto per superare i tuoi limiti:

  1. Fai una lista: prenditi un’ora, stacca il telefono, vai in un bar, chiuditi in ufficio, mettiti le cuffie e ascolta la tua musica preferita. Come lo fai poco importa, il concetto è isolati e fai la lista di tutto quello che devi fare. Una lista omnicomprensiva: lavoro, personale, famiglia, hobby. Immagina che la tua mente sia un cassetto zeppo di foglietti: svuotalo completamente sulla scrivania e prendi i foglietti uno a uno, elencali su un foglio e poi assegna una categoria corrispondente con maggiore accuratezza possibile.

  2. Butta via: quando hai finito, rileggi la lista e cancella tutto quello che puoi eliminare in quanto poco essenziale per i tuoi obiettivi (personali e lavorativi). Sii coraggioso perché questa è una parte difficile.

  3. Togli ancora: finito il punto 2, rileggi la lista e chiediti “Questa attività è indispensabile? È inutile? È una distrazione?”. Ricorda quali sono i tuoi obiettivi ed elimina ancora alcune attività.

  4. Dai le priorità: il multitasking è assolutamente sopravvalutato. Assegna le priorità a ciò che è rimasto nella tua lista e gestisci un’azione importante alla volta.

  5. Impegnati a delegare: è impossibile fare tutto da soli e se ti racconti che tu lo fai meglio degli altri, sappi che molte volte questo ti limita. Nel caso te lo fossi scordato ti è impossibile moltiplicare il numero delle tue ore, mentre puoi moltiplicare il numero delle ore investite in un progetto dividendolo tra più persone. Se lavori solo, sappi che esistono i collaboratori esterni che puoi pagare a risultato, a ore: da chi ti può rispondere al telefono, a chi ti può seguire i social, sviluppare un progetto, scrivere i contenuti del tuo blog.

Forse sei anche tu tra le persone che apprezzano il minimalismo in architettura: ricorda che la tua vita è l’unica vera casa che hai e riempirla di spazzatura e scatole ovunque riduce in modo drastico la tua qualità della vita.

Prendi un’ora del tuo tempo e investila ad alleggerirti: sarai più sereno e più vicino agli obiettivi che vuoi raggiungere.

0 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti